Back to Top

Quante volte... dovrò dirvi ancora GRAZIE!

Print Print Email Email

Quante volte ci capita di lamentarci di tutti gli impegni a cui la vita quotidiana ci obbliga? Quante volte usiamo la parola stress? Quante volte ci capita di rimandare un impegno o di decidere tutto all’ultimo con una e-mail, una telefonata in macchina magari in mezzo al traffico o un semplice messaggino...?

Quanto bello è invece riuscire a “rinunciare” a qualcosa per vivere in pienezza il presente, senza pensare al dopo con la solita ansia?

Se a qualcuno che mi conosce è venuto il dubbio lo rassicuro subito: non ho cambiato lavoro, né mi sono messo a studiare queste dinamiche sociologiche. Sono solo un capo scout che ha avuto la fortuna di partecipare all’organizzazio- ne di una semplice uscita di comunità capi.

Le immagini che mi porto da questa uscita: salire tutti insieme nella carrozza di un treno, attraversare un campo sapendo che il campanile e il centro del paese sono in quella direzione là, togliersi il maglione di lana perché la salita ci fa sudare, vivere e condividere l’Eucarestia con la propria comunità capi, dormire tutti insieme e dimenticarsi che c’è sempre qualcuno che russa!

E poi ancora guardare le luci della vallata nel cuore della notte, scherzare ma saper essere anche seri quando l’attività lo richiede, rallegrarsi del sole dopo un’abbondante pioggia caduta.

Le solite cose insomma che facciamo ormai da 20 anni, ma sono le cose vere che ci piacciono, che ci uniscono, che ci legano ad una comunità, che ci fanno vivere. Una volta partiti non sentiamo più il peso della quotidianità, non ricordiamo più quell’agenda aperta sopra il tavolo che ci aspetta, non ci voltiamo più indietro.

Un GRAZIE di cuore a tutti i capi che condividono con me l’esperienza di essere capo scout, di parlare di temi come l’educazione a vent’anni, di riempirsi di impegni e di correre per gli altri, di essere ottimisti e di guardare al bicchiere mezzo pieno, di essere a volte controcorrente e di vivere quella semplicità che cerchiamo, per quanto possibile, di fare nostra.

Giovanni Pierobon 

 

 

Faleminderit shqiperia! (Grazie Albania!)

Print Print Email Email

Il Clan “Ra” del Cittadella 2 quest’anno ha scommesso su un’esperienza nuova e lontana dalla nostra vita quotidiana, in Albania, nella regione nord e più povera del paese: Puke. Durante l’anno sono state programmate molte attività in più di autofinanziamento necessario per non gravare troppo sulle tasche delle famiglie. E poi un paio di incontri di preparazione con i responsabili nazionali del Progetto Balcani.

Tante perplessità e qualche pregiudizio da vincere. La volontà di vivere un’esperienza forte di servizio. L’apprensione più volte manifestata da qualche genitore un po’ più preoccupato degli altri.
E finalmente la stazione dei treni di Padova, la mattina del 14 agosto, ore 7,50 puntuali con zaino e uniforme, pronti a partire e a rischiare un po’ la strada, destinazione la tanto chiaccherata Albania! Presso la parrocchia di un prete italiano, don Giovanni, i Rovers e le Scolte del Clan hanno fatto animazione per quattro ore al giorno a una quarantina di bambini e ragazzi albanesi. Hanno avuto la possibilità di viaggiare per alcuni villaggi limitrofi, hanno visitato le realtà più importanti del paese come la cittadina turca di Kruja e la città di Scutari, dove sono stati ricevuti per l’occasione dal Console italiano in persona! Si sono confrontati e, con la popolazione locale, hanno scrutato le loro facce, sentito i loro vissuti e i loro problemi personali.
Hanno incontrato un clan di Tirana appena partito per la route estiva.
Vinta la timidezza iniziale, è stato un bel fiume di occasioni e di emozioni. Hanno capito che il popolo albanese ha origini e storia molto antiche, uno spiccato orgoglio nazionalista e che conosce e ammira molte cose del nostro paese al contrario di noi che spesso ci limitiamo alle notizie di cronaca locali riportate dai giornali e televisioni.
È un paese nel quale convivono pacificamente e senza alcuna difficoltà tre religioni diverse. È un paese che ha conosciuto e da poco superato il dramma di un duro regime politico, della guerra civile, di lunghe catene di profughi provenienti da paesi limitrofi e riversati disordinatamente nelle loro regioni.
È un popolo segnato dalla sofferenza, in profonda trasformazione, che comunque ha ancora diversi problemi da risolvere.
Momenti di preghiera, di riflessione personale, di silenzio, spazi di condivisione e confronto, ampie riflessioni sul tema del servizio hanno fatto da cornice a tutto il campo. Si è recuperato il senso di appartenenza ad una comunità più grande e internazionale, si è remato “controcorrente” non con l’idea di essere migliori ma per osservare con i propri occhi una realtà diversa ed essere un po’ d’aiuto e d’esempio ad una piccola comunità.
Non è poco il bagaglio di esperienza e di maturità che i ragazzi ne hanno tratto, in un’età contrassegnata sempre più da scelte importanti di vita e vissute a volte con molti dubbi, ansie e incertezze e con il bisogno di esempi positivi da poter seguire e condividere. Ora ci resta il compito ben più difficile di tenere accesa questa esperienza dentro di noi per far fruttare gli esempi positivi che ne abbiamo ricavato, senza essere inghiottiti dalla nostra realtà frenetica e senza far riemergere quell’unica immagine fredda e chiusa di popolo allo sbando che invade con tutti i mezzi possibili le nostre coste.
Faleminderit Shqiperia (Grazie Albania) e buona strada clan Ra! 

Giovanni Pierobon

In preparazione al campo in Albania

Print Print Email Email

Sabato 3 e domenica 4 di questo maggio, la staff capi seguita da un rover del clan Ra, gruppo scout cittadella 2, si sono recati in quel di Cassano d’Adda (MI) per un incontro di preparazione al campo estivo di servizio che si farà in Albania, e più precisamente a Luf, un minuscolo paesino del Nord, nel distretto di Puke.

Quella che ci si aspettava sarebbe stata una comune uscita di presentazione, è in realtà stato un primo approccio con gli usi ed i costumi del popolo illirico, oltre anche ad essere un importante simposio d’informazione fra gli otto clan che assieme a quello della nostra città murata condivideranno quest’esperienza votata al servizio verso il prossimo ed all’espansione dei confini culturali e mentali verso società aliene ai nostri pensieri di tutti i giorni.
L’impressione è che, qualsiasi fossero o siano i pregiudizi verso i Balcani che accompagnano i ragazzi, essi verranno dissipati e che ognuno di loro avrà la possibilità di maturare un’esperienza umanamente formativa che, per inciso, è proprio l’insegnamento che lo scoutismo si pone di trasmettere alle sue giovani leve, soprattutto ai ragazzi della branca rover e scolte.

Lorenzo Carmignoto

Challenge

Print Print Email Email

Tra il 17 e il 18 novembre si è svolto nella zona del Montello il Challenge Scout del 2007. Il Challenge è, per gli Scout, un’uscita dove più clan si trovano, si mescolano per formare delle pattuglie e gareggiano attraverso attività in cui è richiesto di mettere in gioco le proprie abilità fisiche e tecniche. Nel nostro caso ci siamo trovati fra i clan del cittadellese (Cittadella 2, Cittadella 3, Cittadella 4, Galliera-Tombolo) per passare insieme due giorni di estremo divertimento e condivisione scout. Per tutti noi è stata un’esperienza unica ed irripetibile, il Challenge infatti non veniva svolto da troppo tempo nella nostra zona. Il grande senso di appartenenza ad una stessa famiglia è stato il collante che ha unito noi, rover e scolte di cittadella, pur diversi nel fazzolettone, ma così simili in valori e stile di vita. La giornata è cominciata alle 15.00 di sabato pomeriggio, in Villa Rina, da dove siamo partiti per questa nuova avventura. Arrivati, abbiamo cominciato subito a renderci attivi. Il Challenge infatti si sviluppava in un’aria di circa 5 km per 5, e ognuna delle nostre pattuglie doveva impegnarsi per superare le prove che incontravamo durate il percorso che dovevamo fare (per questo ci è stata consegnata una cartina). Sebbene fosse freddissimo e l’unico modo che avevamo per riscaldarci fosse il continuo cammino, sentivamo di dover continuare per la nostra strada, di raggiungere la meta. Alla sera abbiamo dovuto cucinare per strada, nei nostri fornelletti e nelle nostra gavette e, arrivati, ci siamo preparati i sacchi a pelo per passare la notte tutti assieme. Il giorno seguente c’è stata ancora della strada da fare. Molti di noi erano stanchi per il giorno precedente, ma non ci siamo fatti abbattere e abbiamo continuato fino alla fine. Con il pranzo comunitario e la messa di don Michele si è concluso questo week-end per noi speciale, perché finalmente dopo anni, il clan del cittadellese si sono ritrovati e, ogni qual volta ci si ritrova, si sente quel senso di essere veramente come una grande famiglia. 

 

Cento Passi verso l'Umanità

Print Print Email Email

Il Clan Ra e i cento anni di scoutismo
Abbiamo cento anni e non li sentiamo affatto! In questo 2007 ricco di celebrazioni per noi scout, ci sentiamo proprio di dire così. Per i rover e le scolte di tutte le zone di Padova il 2 Giugno al Parco la Fenice, è stata l’occasione per trovarsi tutti insieme e festeggiare. Festeggiamenti che ci hanno visto impegnati per tutta la giornata sotto un tempo non proprio clemente.

La preparazione a questo evento è partita per tutti i Clan ancora a Novembre, con la scelta di un “macrotema” da parte dei ragazzi. I temi erano molti e diversi, ma tutti avevano come obiettivo la nostra “umanizzazione” che passa attraverso grandi sfide di oggi e di un domani molto prossimo. La cosa più stimolante è stato l’affrontare questi temi, prima dell’evento, con altre realtà scout, che ci hanno fatto conoscere modi di lavorare, tradizioni e uniformi diverse, ma tutte legate dallo stesso scopo e pensiero che giusto cent’anni fa il fondatore Baden Powell ideò e sperimentò con una dozzina di ragazzi sull’isola britannica di Brownsea. Il Clan Ra del Cittadella 2 è stato abbinato con un clan di Brugine dell’agesci e uno di Padova degli scout d’Europa. Il lavorare insieme ha creato un grande clima e prodotto risultati emozionanti.
Durante l’evento del centenario, dopo il pranzo preparato sotto la pioggia, si è allestita la “fiera delle idee” dove ogni clan ha esposto con la tecnica che preferiva, una propria esperienza di route, di servizio o capitolo che facesse capire come lo scautismo nella sua umiltà mette a disposizione un sacco di opportunità per cambiare il mondo e che siamo già capaci di cose “grandi” anche se nella loro piccolezza.
Dopo la cena a causa del maltempo è saltato lo spettacolo serale, ma siamo comunque tornati a casa consapevoli che cento anni sono un’eredità da portare sullo zaino che ci stimoli sempre a lasciare il mondo un pò migliore di come lo abbiamo trovato.
Eravamo in cinquecentoventi! Quel seme seminato tanto tempi fa, è caduta su un terreno molto fertile!

Stefano

Page 6 of 10